Category Archives: News

Toast Records incontra Radio Spazio Ivrea

RadioIvrea
Toast Records, nella persona di Giulio Tedeschi, ad Ivrea, martedì 27 giugno, per salutare il Miscela Rock Festival e per essere intervistato ai microfoni di Radio Spazio Ivrea durante la trasmissione Parlapa’ condotta da Diego Manconi & Gianluca Sberla Marino. Colonna sonora dell’intervista: Who, Statuto, The Five Faces, Madness, The Special e molti altri. Tra gli argomenti trattati, la scena indipendente italiana, Wanted Primo Maggio e AudioCoop Piemonte. Si sono ripetutamente ricordati episodi strategici consumati durante la lunga attività di Toast Records e si sono buttate le basi per possibili collaborazioni future.

Festa della Musica 2017 secondo Toast Records

FestaMusica2017Sono sedici volte che Toast Records celebra pubblicamente la Festa della Musica. Dal 2002, per la precisione. In questo non breve periodo la decana delle label underground italiane ha omaggiato l’arte musicale in vari modi e luoghi. A Torino e in giro per la penisola. Organizzando concerti, tavole rotonde, rassegne. In piazze e giardini. In iper-mercati. In rock-club. In librerie e discherie. Confondendo, volutamente, più arti. Collaborando con una nutrita schiera di partners, sempre diversi, tra cui il Meeting delle Etichette Indipendenti, l’Arci, il Comune di Torino, l’ex circuito Fnac, la Carovana dei Festival, AudioCoop. E varie case editrici, indie label, blog, riviste cartacee e online. Presentando, a conti fatti, alcune centinaia di progetti sonori tra emergenti e noti. Coinvolgendo vari segmenti del mondo del lavoro musicale: tecnici, giornalisti, dj’s, produttori, fotografi, video-makers. E da quest’anno lanciando anche un preciso sguardo alla scena poetica.
La libreria alternativa torinese, AUT di via Barbaroux n.8 a Torino è stata prescelta da Toast Records come la piccola ma agguerrita sede dell’edizione 2017.
Qui, dalle 18,00 alle 20,00 del 21 giugno, musica e poesia sono state date in pasto ad un pubblico attento, interessato e numeroso (nonostate il caldo feroce).
Sotto l’occhio vigile del label manager della Toast Records si sono presentati: il cantautore metropolitano Francesco Stabile, interpretando alcuni brani inediti tratti dal suo prossimo album; il poeta e pittore Giancarlo Pavanello, arrivato per l’occasione da Milano, che ha letto dei suoi brevissimi componimenti; il duo Giacomo Aime & Paolo Milano che ha regalato alcune canzoni tratte dall’album intitolato “Nel breve respiro del tempo”; la signora della poesia torinese Nadia Sponzilli che ha pescato testi selezionati dalle sue ultime due raccolte. Poi Luca Calderan ha descritto l’azione territoriale del blog Taurinews; il cantautore Calfa Pietro, accompagnato da una parte del Consorzio Musicisti Riuniti, ha consegnato agli astanti tre sue songs, una delle quali con un inatteso testo in piemontese; il gastronomo musicista Guietti Roberto ha ricordare la sua esperienza di direttore artistico del Festival Blues di Beinasco; l’artista multimediale Luca Onyricon Giglio ha letto due suoi testi in via di pubblicazione; Marcello Capra, ha presentando in solo una serie di suoi cavalli di battaglia; Salvatore Sblando, di Periferia Letteraria, ha annunciato alcuni appuntamenti futuri con la nuova poesia; Enrico Mario Lazzarin, con una inedita, folta, criniera di capelli bianchi ha letto alcune sue nuove poesie; Bruno Rullo, dopo aver invitato i presenti a intervenire alla finale di Slam Italia che si terrà il 24 giugno a Milano presso Casa Merini, ha declamato tre suoi testi; Mauro Cavagliato e Rosanna Galleggiante hanno interpretato (contaminando lettura e musica) un capitolo tratto dal volume “La musica è (in)finita” dello stesso Cavagliato.
Tra i presenti Sergio Cippo di Queen Music che ha seguito fotograficamente l’evento (minuto per minuto) e il video-sperimentatore Flavio Fassio.
Chiusura con un apprezzato bis di Marcello Capra e con i tradizionali ringraziamenti di Giulio Tedeschi.

Toast Records & la Festa della Musica

LocandinaAnche quest’anno per il 21 giugno Festa della Musica con Toast Records e la preziosa collaborazione della libreria indipendente torinese AUT. Un piccolo evento in musica & parole in Via Barbaroux 8, dalle ore 18,00 alle 20,00. Tra i partecipanti il chitarrista Marcello Capra, il cantautore Giacomo Aime con Paolo Milano, Piero Calfa & C.M.R in duo, Bruno Rullo di Slam Italia, la poetessa Nadia Sponzilli, il cantautore metropolitano Francesco Stabile, Luca Calderan di taurinews.it, Nico Ivaldi di Piemonte Mese, il poeta pittore Giancarlo Pavanello, Enrico Mario Lazzarin dell’Associazione Due Fiumi, l’Artista multimediale Luca Onyricon Giglio e Roberto Guietti, direttore artistico del Blues Festival di Beinasco (To)

“Blues Day for Luigi” il 10 giugno, tanto Blues e un pizzico di Poesia

18839107_1347971708644403_2438703386625687250_n
Blues e sue varianti si incontreranno nuovamente il 10 giugno presso il Circolo Violetta Parra di Beinasco (To).
L’evento, patrocinato come sempre dal Comune di Beinasco, quest’anno compie 17 anni e sarà dedicato in particolare alla memoria del suo creatore, il rimpianto bluesman Luigi Tempera, deceduto prematuramente a fine 2014. Ci attendono, dalle 16.00 in avanti, svariate ore di buona musica firmate da una nutrita serie di musicisti, tra cui spiccano anche giovani talenti da tenere d’occhio. Direzione artistica di Guietti Roberto. Ma non ci saranno solo live, ma anche una MasterClass di chitarra blues curata da Paolo Bonfanti, un reading di Poesia, un aperitivo a buffet, un’area stands con il contributo di svariate associazioni e una jam session finale che chiuderà quella che a tutti gli effetti si prospetta una piacevole e rilassante festa creativa. L’evento è appoggiato da Toast Records e da AudioCoop Piemonte.

Circolo “Violeta Parra” a Malinteso, Via Pio la Torre, 3, 10092 Beinasco.

Il programma:
h.16.00 Fineharp Blues Band – h.17.00 T.C.S – h.17.00 MasterClass di Paolo Bonfanti – h.17.40 DosDiablos – h.18.10 Reading di Giulio Tedeschi, con Bruno Rullo e le note di Officina Blues che riproporrà alcuni brani di Luigi Tempera h.18.40 Ballestracci/Pasino – h.18.40 Aperitivo con buffet – h.19.00 Apertura stand grigliata – h.19.30 Marco Roagna in solo – h.20.00 Tecnica Zero – h.21.00 Big Harp – h.21.30 Paolo Bonfanti Trio – h.23.30 Jam Session

“Madras Ice Cream” al Blues Day di Beinasco (To)

MadrasPresentazione
Il 10 giugno nel contesto del “Blues Day per Luigi” che si svolgerà poco fuori Beinasco (località proiettata verso le Alpi, nella cintura torinese), verrà presentata l’ultima edizione di “Madras Ice-Cream”, poetry book di Giulio Tedeschi (label manager della Toast Records), autore poeticamente anomalo, con un percorso creativo che si intreccia più alla musica che alla poesia.
Il volume, auto-prodotto, nella versione del marzo 2017 attualmente in commercio riunisce una selezione di testi scritti dal 1971 al 2016.
L’incontro del 10 giugno (dalle ore 18,10) si avvarrà della presenza dell’Autore, introdotto e sostenuto da Bruno Rullo, coordinatore di Slam Italia.
Presentazione e reading saranno intervallati da stacchi musicali live di Officina Blues, combo di giovani e talentuosi musicisti che riproporranno alcuni brani del Maestro Luigi Tempera.

Un ricordo collettivo per “Demetrio Stratos” (Torino 20 & 21 maggio 2017)

Stratos
Sabato 20 (dalle ore 17,00) e domenica 21 maggio (dalle 14,30) si svolgerà presso iL’Hotel dei Pittori di C.so Regina 57, Torino, una lunga ed intensa anticipazione di “Musica Diversa Omaggio a Demetrio Stratos”, l’evento ideato da Raffaello Regoli che da 20 anni vuole mantenere viva la memoria di Stratos, cercando di accostare e mettere in luce anche gli sviluppi, ad oggi, della sua eredità artistica.
Il week-end torinese partito da uno spunto di Renato Miritello, riunirà una bella porzione della scena creativa underground subalpina intorno al ricordo dell’Artista greco (il suo vero nome era Efstràtios Dimitrìu) e sarà una valida occasione per presentare l’ambizioso progetto di “Torino Città della Voce”, da cui attendiamo molte piacevoli sorprese.
Tra i protagonisti della kermesse, Bruno Rullo di Slam Italia, Renato Miritello, Pelissero Dino Eldrisio, il musicista indiano Kamod Raj, Helen Esther Nevola, il progetto di musicoterapia Risonanze Musica, Frankie Partipilo, Ezio Noto del Dedalo Festival e molti altri (al momento in cui scriviamo si contano oltre sessanta adesioni).
L’evento, ad ingresso gratuito, sarà distribuito tra sabato 20 maggio (dalle 17,00) e domenica 21 maggio dalle 14,30 in avanti. In collaborazione con Slam Italia, Toast Records, Dedalo Festival, Miraflores Press, Collettivo X.

La Poesia è Rock con Rullo, Sponzilli, Giglio, Carella

4Poeti

2017: settimo anno per Wanted Primo Maggio, l’evento ideato per celebrare a suon di musica la Festa dei Lavoratori e del Lavoro.
Wanted Primo Maggio, tour, live talent (per individuare proposte interessati nell’area underground nazionale), festival rock con band indipendenti invitate dal Direttore Artistico. E (per il terzo anno) anche un Poetry Reading, audace spazio dedicato alla Poesia.
Sul palco quattro Autori che hanno ottenuto un positivo risultato di ascolto: Bruno Rullo (coordinatore nazionale di Slam Italia), Nadia Sponzilli (una delle voci poetiche al femminile più interessanti del momento), Luca Onyricon Giglio (Artista multimediale con un debole per la performance musicale), Alberto Carella, giovane emergente deciso a farsi largo.
La Poesia è rock…
Wanted Primo Maggio 2017 Direttore Artistico, Giulio Tedeschi. Logistica Toast Records, con la preziosa collaborazione di Hiroshima Mon Amour, AudioCoop Piemonte e Valle d’Aosta, AudioCoop Liguria, To Indies, Mumble Rumble, (Salerno), Metrodora (Genova), Fall Festival (Salerno), Festival delle Periferie (Genova), Bob Bands of Bologna, Miscela Rock Festival (Ivrea), Quinto Veda (Imola), Suono anch’io (Palermo).

Talent Live 2017 ai Guzuta. Premio Speciale Toast Records ai Panties Soldiers.

Panties.Soldiers
Nel tardo pomeriggio di lunedì primo maggio 2017 si è svolta, nel contesto di Wanted Primo Maggio, la finale della prima edizione di Live Talent, il meccanismo selettivo nato per ricercare, a livello nazionale, valide proposte da valutare e lanciare fuori dai confini locali.
Primo step, la raccolta di candidature provenienti direttamente dalle territorio. Oltre cento, portatrici dei più svariati genere musicali. Di seguito, ascolti preventivi su tutto il materiale pervenuto che ha ridotto le proposte papabili a circa 60, che in vario modo sono state coinvolte in ulteriori selezioni. Alcune live, come quelle di Genova, Imola, Salerno e Palermo.
Alla vigilia del primo maggio la situazione era la seguente: sei band pronte ad esibirsi ad Hiroshima Mon Amour. I siciliani “Four Guys one carbonara”, i campani “Panties Soldiers”, i liguri “Guzuta”, gli emiliani “Aabu”, i piemontesi “Akira” e i lombardi “The Bankrobber”.
I live sono state esaminati da una giuria di qualità composta da Erik Calv0 (Miscela Rock Festival), Alessandro Liccardo (Volcano Records), Luca Calderan (Taurinews), Sergio Cippo (Queen Music), Daniele Boretto (AudioCoop Piemonte). Con i seguenti criteri: capacità strumentali singole e collettive, tenuta del palco e presenza, arrangiamento brani. Decretati vincitori i genovesi “Guzuta” che avranno modo di accedere ad una serie di festival, tra cui il Miscela Rock Festival di Ivrea, il Festival delle Periferi di Genova, il Fall Festival di Salerno.
Premio speciale Toast Records assegnato ai “Panties Soldiers” per l’evidente e dimostrata attitudine ad affrontare la materia musicale sul non facile versante della ricerca.
Un doveroso ringraziamento alle decine di amiche e amici che in modo volontario hanno contribuito alla buona riuscita del progetto, tra cui ricordiamo Fabrizio Gargarone e Mauro Boglione (Hiroshima Mon Amour), Davide Boretto (AudioCoop Piemonte), Erik Calvo (Miscela Rock Festival), Luca Calderan (Taurinews), Sergio Cippo (Queen Music), Roberto Giannini (AudioCoop Liguria), Alessandro Armosino (Festival delle Periferie), Giuseppe Galassini (Toast Records), Samanta Sonsini (QuintoVeda), Max Maffia (Fall Festival), Angie Avallone (Mumble Rumble), Gonzalo Caravano (Neri Per Caso), Alessandro Liccardo (Volcano Records), Tiziano Di Cara (Ci Suono Anche Io) e ai tanti giornalisti e dj radio che hanno seguito con luciditàlo svolgersi dei fatti.

Un Wanted Primo Maggio pieno di musica & poesia da tutta Italia

ZUTH
Un primo maggio piovoso, quasi autunnale a Torino, che ha registrato, tra l’altro, anche significativi scontri tra manifestanti e polizia durante il corteo del mattino.
Il sole o qualcosa di simile, nonostante tutto, si è fatto attendere ma è spuntato dalle parti delle 16.00 quando ormai Hiroshima Mon Amour, anche quest’anno teatro di Wanted Primo Maggio, ribolliva di movimento: sul palco, nei camerini, dietro al mixer, nei corridoi e davanti al bancone del bar, ancora impermeabile alla “sete” collettiva.
La sarabanda musicale ha preso il volo, secondo programmi, alle ore 19.00, con una brevissima introduzione del direttore artistico che ha dato il benvenuto ufficiale ai musicisti e alle prime frange di pubblico. Partenza a ritmo con il Live Talent che ha visto, nell’ordine, calcare il palco i salernitani “Panties Soldiers” (trio strumentale molto promettente), seguito dai giovanissimi palermitani “Four Guys one carbonara”. Candidi come le loro camicie hanno snocciolato un pop d’autore gradevolissimo, aggrappato intorno alla profonda voce del cantante. Terzi, a calcare la scena, i frizzanti “Guzuta”. Genovesi, con una front woman scatenata, in certi passaggi quasi punk.
Dopo loro, i bolognesi “Aabu”, con un accattivante teen rock disciplinato dalla precisione ritmica della batterista. Il richiamo del palco ha baciato poi i torinesi “Akira”, band di composti quarantenni dal sound bello squadrato. Chiusura in bellezza con i lombardi “The Bankrobber”, che hanno interpretato una miscela sonora ricca di sfumate sensazioni.
La prima fase di Wanted Primo Maggio si conclude con le considerazioni di Luca Calderan che commenta la situazione in tempo reale insieme a Erik Calvo (del Miscela Rock Festival) e ad Alessandro Liccardo della partenopea Volcano Records.
Mentre la giuria si chiude in camerino per decretare il progetto che avrà la possibilità di godere del premio finale (partecipare a svariati festival alternativi italiani) il palco ospita Bruno Rullo di Slam Italia che introduce il giovanissimo poeta metropolitano Roberto Carella. A seguire, sotto i riflettori, il musicista torinese Mauro Cavagliato degli Zauber che lancia un appello contro la riapertura dello Zoo torinese e annuncia una manifestazione nazionale contro la privatizzazione dei beni comuni che si terrà il 27 maggio sempre a Torino.
Ma la musica spinge forte. Scendono in campo gli “Zuth!”, marchigiani che sbaragliano subito il pubblico con un live-set pop rock imperdibile, incorniciato da un “coro” di ben tre chitarre.
Poi, crudo e ombroso, il rock noise di “Officine Aurora”. Il trio coglie l’occasione per presentare due nuove songs, prodotte artisticamente da Max Casacci e prossimamente edite da Toast Records.
Subito dopo, senza colpo ferire, il power rock modenese “Animarma”, sempre più rock, con Michele Forgione che erutta fuori controllo voce e sudori chitarristici. La pace ritorna grazie alla coppia Bruno Rullo e Nadia Sponzilli (la signora della Poesia torinese) che precede i genovesi The Five Faces, reduci dal recente tour in terra inglese e in serata particolarmente positiva.
Un attimo di sospensione per annunciare a doppia voce (quelle di Luca Calderan ed Erik Calvo) i vincitori del Live Talent, gli effervescenti “Guzuta”.
Mentre la platea si anima in attesa di buone nuove, salgono sul palco i “Waste Pipes”, colonne del rock’n'roll subalpino che mitragliano trenta minuti di pura elettricità, accolta con totale partecipazione da tutti i presenti.
La maratona sonora si chiude con Luca “Onyricon” Luca Onyricon Giglio, artista multimediale torinese definito da Paolo Ferrari “figura cult della musica sotterranea subalpina di matrice rock e post industriale” che legge tre suoi testi accompagnandoli da un tappetto di ritmi sintetizzati che non deludono gli irriducibili che lo hanno atteso sino al quell’ora.
E come tutte le favole che si rispettano, appena dopo mezzanotte, partono i saluti di rito alla platea, ormai nuda e cruda, da parte di Giulio Tedeschi. Una manciata di foto di rito sigillano il trapasso verso la notte.
La Giuria del Live Talent: Erik Calvo (Miscela Rock Festival), Alessandro Lisandro (Volcano Records), Luca Calderan (Taurinews), Sergio Cippo (Queen Music), Daniele Boretto (AudioCoop Piemonte).
L’evento è stato condotto e commentato da Luca Calderan. Servizio fotografico ufficiale di Sergio Cippo. Direttore di palco e coordinamento, Giulio Tedeschi. Logistica, Daniele Boretto.
Notati tra il pubblico, Fabrizio Gargarone direttore artistico di Hirohima, Salvatore Sblando di Periferia Letteraria, Maurizio Galia, autore dell’enciclopedica “Prog 40″ (in ristampa una versione per il mercato inglese, con introduzione di Peter Gabriel), Aldo Bussolino di Scorribanda, Cristina Pieretti di Miscela Rock Festival, Claudio Oberti di Gun Club Music, il musicista e compositore Francesco Chiummento di Atto di Forza e molti altri protagonisti della scena underground locale e nazionale.
Presente nell’atrio di Hiroshima, per tutto il tempo della manifestazione, uno stand gestito da AudioCoop Piemonte, con una mini esposizione di materiali fonografici indipendenti.

In attesa di Wanted Primo Maggio

FotoGruppo
Mercoledì 26 aprile presso il torinese Ego di Via S.Domenico 23/B si è svolta la presentazione della settima edizione di Wanted Primo Maggio. Un incontro coordinato dal direttore artistico del Festival Giulio Tedeschi, con la presentazione di operatori del settore, Poeti e Musicisti coinvolti direttamente o indirettamente nell’evento. Tra gli intervenuti, Luca Calderan di Taurinews che ha fatto trapelare un certo pessimismo diretto specialmente verso l’attuale scena musicale; Alessandro Liccardo, manager della napoletana Volcano Records, molto impegnato a stimolare la crescita di svariate rock band italiane; Stefano Poggio, della band torinese Akira, che ha descritto in modo telegrafico il percorso del suo progetto musicale; gli Autori Bruno Rullo, che ha parlato di Slam Italia e ha letto un suo testo pacifista, Nadia Sponzilli che ha esposto con la solita partecipazione emotiva la sua bella “Buenos Aires”. Conclusione di Mauro Cavagliato degli Zauber che ha presentato la sua recente biografia “La musica è (in)finita”. Un passo dello stesso volume è stato letto da Rosanna Galleggiante. Ringraziamenti e saluti finali di Giulio Tedeschi e immancabile foto ricordo. Tra i presenti, Daniele Boretto, rappresentante di AudioCoop Piemonte e Valle d’Aosta e Sergio Giordana di Ego