Poeti a Radio Reporter

Poeti a Radio Reporter


Stupisce la vitalità della Toast Records. In una Italia culturalmente silenziosa e musicalmente massificata, la storica label continua a mettere in pista nuove produzioni ed iniziative, fedele alle sue spavalde origini punk di fine anni settanta, quando era nota come Meccano.
L’ultimo strategico evento in ordine di tempo organizzato da Toast è la due giorni radiofonica intitolata “Il Paradiso Può Attendere” con il supporto di Radio Reporter Torino (nella persona del suo direttore artistico Luigi Antinucci) e della trasmissione “Io Robinson”.
Protagonisti delle serate (28 e 29 settembre), davanti ai microfoni caldissimi dell’emittente subalpina, un nutrito manipolo di agitatori delle scena culturale underground torinese.
Lunedì 28, negli studi di Reporter erano presenti, Sergio Cippo del torinese “spaccio” musicale Queen Music e il cantautore Rob (al secolo Roberto Spiga). Alla regia, Luigi Antinucci e a dirigere il traffico, Giulio Tedeschi (label manager di Toast Records).
Partenza con gli esotici e contaminati suoni proposti dai francesi Lazul! a cui sono seguiti i piemontesi Gospel Book Revised con “Tall Tree” e una serie di brani (“La parole fine”, “Tutto può cambiare”, “Mani” e “Grafite”) tratti dall’album “Rob” (Toast Records) e intervallati da brandelli di intervista all’autore.
Si è continuato con “Finalmente”, song del progetto di Cristina Chiappani & Antonello Rasi, La Madre (dal singolo omonimo su Toast Records); “Il Tempo Passa”, del cantautore napoletano Lello Savonardo (dall’album “Bit Generation”); il torinese Alex D’herin con “Le stagioni che saprai aspettare” e il milanese Emanuele De Francesco con “In silenzio”.
Chiusura dedicata a “Piazza Solferino” (Toast Records), album di Luigi Antinucci, da cui sono stati tratti, “Emozioni”, “Cow-Boy, “Robinson” e “Rosa dei Venti”.
Martedì 29: dopo un assaggio collettivo di limoncello nella sala riunione, il reading organizzato con la collaborazione di Camion Press e dedicato ai dieci anni del movimento internazionale ideato da Michael Rothenberg e Terri Carrion, noto come “100mila Poeti per il Cambiamento” “100 Thousand Poets For Change” prende il via con “C’è chi vive il blues” della band romana di Stefano Demartini, i Fleurs du Mal (dall’album “3″, Toast Records).
Ma è Salvatore Sblando, di “Periferia Letteraria”, che rompendo coraggiosamente il ghiaccio presenta un suo testo e successivamente un ricordo del compianto Ivan Fassio. A cui segue una composizione pre-registrata di Helen Esther Nevola del collettivo artistico CaleidoScoppio.
Breve intervallo musicale con “La commedia della vita” dei Proclama di Giorgio Giardina (dal singolo omonimo su Toast Records) e il microfono passa a Bruno Rullo, coordinatore di Slam Italia, che propone due suoi testi, tra cui la nota “Se fossi un Dio”, a suo tempo presentata dal vivo sul palco di Hiroshima durante una passata edizione di Wanted Primo Maggio, la kermesse musicale dedicata alla Festa del Lavoro.
Altro brano musicale, “Ridi”, della Banda Elastica Pellizza (dal minicd “Goganga”, Toast Records). Segue Nadia Sponzilli dell’Atelier della Luce che interpreta due suoi componimenti, a cui vengono agganciati i Trenincorsa con “La Girandula (non è un reggae)”, brano tratto dall’album “Verso Casa” (Toast Records).
Senza un attimo di tregua, continua Mauro Macario, con la sua bellissima “Pioggia a Big Sur” (pre-registrata), a cui segue Maak con “Il mondo che non c’è” (dall’album “Schiaccio Play”) ed Enrico Mario Lazzarin (della “Due Fiumi”) con tre testi che usciranno prossimamente sulla raccolta “Finestre, papaveri, cortili e code di lucertola”.
Continua la maratona, il musicista e poeta Giacomo Aime che fuori programma presenta il nuovissimo album firmato con Paolo Milano, intitolato “Mare fragile”, da cui vengono tratti l’omonimo brano, e a seguire, “A volte” e “Un treno corre forte”. Aime chiude con una poesia blues (come giustamente la definisce l’autore) intitolata “Pitbull”. Una sferzata in pieno volto, prima della buonanotte.

Comments are closed.

Post Navigation