LANTERNE ROCK: una nuova voce nel circuito dei Festival

Festival vecchi, nuovi e nuovissimi: la scena italiana continua ad essere in movimento, a dispetto della crisi finanziaria e della scarsità di idee.
Mentre a Torino si consuma il decano TRAFFIC, con il buon Manuel Agnelli che declama, sulle pagine del quotidiano LA STAMPA (venerdì 30) di musica & poesia (finalmente ci è arrivato anche lui), a Vische, simpatica località alle porte di Torino, si accendono le luci di LANTERNE ROCK, festival musicale al debutto, carico di ottime collaborazioni, di buone intenzioni, di belle idee.
Il programma, che si sviluppa nel week-end 31 agosto e primo settembre è pieno di piacevoli sorprese creative.
Sabato, sul palco di piazza San Bartolomeo si esibiranno SUBà, ASSIST, PROCLAMA e DIVINA. Il giorno dopo, PEANUTS 78, CLOSURE, YAVANNA.
I sette progetti saranno “padrini” morali degli Artisti in concorso. Si, perchè il Festival, come in un gioco di scatole cinesi, propone le finali del Premio Nazionale per la Canzone d’Autore che ha selezionato in tutta Italia ben 8 proposte – La Stanza di Greta (To), Marta Moretti (Ge), Emanuele de Francesco (Mi), Fabrizio Longobardi (To), Kid in Peace (To), Malascena (Bo), Pino Cariati (Cs), Max Merli (To) – che si esibiranno nel tardo pomeriggio di sabato 31.
Ospiti del Concorso: AKIRA, WICKED ESPECTATION, Giovanni MORELLI.
LANTERNE ROCK Festival, oltre agli appoggi istituzionali del caso è supportato da un cartello di realtà nazionali e locali: in primis la TOAST RECORDS, che regala all’evento la presenza di SUBà, ASSIST, PROCLAMA; AudioCoop Piemonte e Valle d’Aosta, generosamente in prima fila in queste occasioni; la neonata label indipendente TAM-TAM; lo storico music-shop torinese QUEEN MUSIC e una serie di sponsor, tutti importantissimi per l’architettura finanziaria dell’evento.
Per i curiosi, che sicuramente affolleranno le vie di Vischè, ricordiamo che durante il fine settimana sarà presente una mostra mercato del commercio e dell’artigianato locale e per i golosi, che non mancano mai, vari stands enogastromici curati dai Maestri del Gusto di Torino e Provincia.Per i fans della cultura non convenzionale, come già scritto, ore e ore di buona musica emergente ed indipendente.

pieg2_3

Comments are closed.

Post Navigation