Author Archives: Giulio Tedeschi

Un ATTENTATO ALLA MUSICA al profumo di poesia quello del 17 ottobre a Torino

Attentato.Poesia

ATTENTATO ALLA MUSICA del 17 ottobre 2014,
a Torino con Gianni MILANO, Giulio TEDESCHI,
Cosimo MALORGIO, Sebastiano ADERNO’, Max
PONTE, Enrica MERLO. Da una idea di Giulio
TEDESCHI. Con il supporto di Toast Records e
il patrocinio di AudioCoop Piemonte e Valle
D’Aosta.

Il magico segreto della poesia: perchè scrivere?
Comunicazione, narcisismo, arte? Utile o inutile?
Dopo aver risposto positivamente all’appello di
Giulio Tedeschi, forse Gianni Milano, Cosimo
Malorgio, Max Ponte, Sebastiano Adernò ed Enrica
Merlo incontrandosi in un luogo segreto venerdì
17 a Torino in occasione di ATTENTATO ALLA MUSICA
Speciale Poesia volevano dare una risposta a tali
quesiti. O molto più semplicemente legger(si).
Solo chi ha avuto la fortuna di essere presente
all’incontro potrebbe svelarci il mistero.
I protagonisti di questo eccentrico evento sono
apparsi nel seguente ordine: Sebastiano Adernò,
Enrica Merlo, Max Ponte, Cosimo Malorgio, Giulio
Tedeschi, Gianni Milano. Enrica Merlo ha sostituito
Kasco batterista/poeta perso da qualche parte.
Sebastiano Adernò ha letto da “Nuova Vandea”,
opera collettiva edita da Officine Ultranovecento.
Max Ponte dalla sua raccolta ” Eyeliner”. Enrica
Merlo dalla memoria del suo telefonino. Giulio
Tedeschi da “Madras Ice Cream”. Cosimo Malorgio
alcune decine di righe inedite. Gianni Milano, il
veterano, due lunghi testi, uno dei quali risalente
al 1967.
Sembra che l’avventura possa continuare.

La Toast Records è tornata con successo al Sud! A Salerno l’11 ottobre

Grafica: Alessio Prealta

Grafica: Alessio Prealta

Salerno è stata l’ennesima tappa di ATTENTATO ALLA MUSICA,
Festival itinerante ideato da Giulio Tedeschi ed arrivato
quest’anno alla quarta edizione.

L’iniziativa si è svolta sabato 11 ottobre in due fasi ben
distinte: un dibattito a metà mattina intitolato “Musica
Colta+Musica Popolare, essere indipendenti al sud” a cui
ha fatto seguito, in serata, un concertone a più voci di
oltre tre ore.

La giornata, ricca di avvenimenti, inizia presso il Bar
Verdi da decenni punto di riferimento per gli artisti
locali (al civico 28 di p.zza Matteo Luciani).

Sono le 10.45 quando prende la parola Max Maffia (Mumble
Rumble) che facendo gli onori di casa introduce Giulio
Tedeschi (Toast Records, AudioCoop), a cui seguono le
voci di Renato Marengo (Classic Rock) e del professore
Lello Savonardo (Università Federico II di Napoli).

Tra i temi affrontati: lo stato di salute della scena
creativa nel sud Italia e sue possibili prospettive;
nuove metodologie di comunicazione; come aggredire
il mercato in un panorama molto fluido e in crisi;
eventuali benefici dell’autogestione come alternativa
alla debolezza delle strutture editoriali major ed
indipendenti.

Oltre ai citati relatori, intervengono: Roberto
Policastro, presentando il progetto multimediale
Studio XXXV; Antonio Giordano, della Compagnia
Daltrocanto, descrivendo la sua personale via al
recupero delle radici musicali locali; Dario
Triestino, bassista della combat-rock band Il
Pozzo di Sanpatrizio, che elenca difficoltà e
limiti dell’autoproduzione.

Tra i presenti notati: Nicola “Nicodemo” Pellegrino,
proprietario dello Studio XXXV; l’attore Francesco
Fimiani, il percussionista romano Alessandro Taborri
(The Empty Daybox), il Presidente dell’Associazione
Mumble Rumble, Benedetto De Santis; il regista Marco
Dell’Acqua (Teatri di Popolo); il vocalist degli Ars
Divina, Giacomo Mercaldo; l’attrice Teresa Pepe,
Daniela Lunelli (The Empty Daybox), Fabiano Farina
(gestore di Cantera).

L’incontro, preceduto da una intervista a Tedeschi &
Maffia da parte di Ilaria Cuomo di Radio Bussola 24,
viene coronato da una colazione di lavoro che vede
coinvolti Renato Marengo, Lello Savonardo, Giulio
Tedeschi e Max Maffia.

Dopo una breve sosta, appuntamento al Mumble
Rumble, storico punto di aggregazione culturale
situato ai bordi della città, nato inizialmente
dall’occupazione di locali dismessi nel confuso
periodo del dopo terremoto (1982).

Dalle 16.00 prove sul palco principale. Nella zona
bar una serie di incontri che coivolgono Giulio
Tedeschi, alcuni elementi dei Lef (band neo-wave
da tempo legata alla Toast Records e in procinto
di entrare in studio per registrare il nuovo album
che dovrebbe bissare le fortune del precedente,
“Doppelganger”), il giovane promoter Roberto
Forlano, la general manager della label napoletana
Jesse Sole, avvocato Fiorita Nardi.

Alle 19.00 pausa per consumare un veloce spuntino
collettivo e alle 20.30 apertura al pubblico che
affluisce da subito in numero considerevole.

La speciale serata dedicata al Premio Toast prende
il volo alle 21.22 con lo show-case sul palco B) di
Max Maffia & The Empty Daybox (autori nel 2012 del
cd/album “Happiness is a tree”). Il combo (che al
momento è sparso tra Salerno, Roma, Berlino)
sperimenta con successo una calda miscela sonora
(che pesca nel bacino culturale del sud Italia)
raffreddata da una rigorosa cornice strumentale.

Alle 22.00 sul palco A) Ciccio Merolla e Riccardo
Veno. Esibizione dall’eleganza critallina. A cui
segue la consegna da parte di Giulio Tedeschi del
Premio Toast 2014 per l’album “Istant Dialogues”.

Il palco è ancora bollente quando, alle 22.40 viene
occupato dal cantautore elettrico Luciano Lo Casto.
Accompagnato da musicisti di valore dimostra di
essere un Artista con un temperamento decisamente
pronunciato.

La chiusura della movimentata serata è nelle mani
di un altro protagonista della scena underground
partenopea, Gaetano “Nino” Bruno, autore per la
romana Goodfellas del recente album “Posidonia”,
finalista del Premio Toast.

Nino, accompagnato come di consueto, dai suoi fedeli
8 Tracce propone un labirinto di suoni psyco-trance
esaltati dalle immagini evocative che corrono sullo
schermo alle spalle dei musicisti e manipolate sin
dall’inizio della serata da M.Lab. Il set si chiude
con il trasformatore del Farfisa surriscaldato ed in
fiamme. Un gran finale cinematografico. Casuale ma
a suo modo, maledettamente coerente.

La collaborazione tra Toast Records e il Mumble Rumble
si è dimostrata vincente e aprirà sicuramente scenari
futuri molto interessanti. In calendario, una possibile
Toast Night che potrebbe servire anche come anteprima
del nuovo album dei Lef.

Grazie a tutti i musicisti che si sono resi molto
disponibili; all’insostituibile Max Maffia; a
Benedetto De Santis e a tutto il Mumble Rumble; ai
tanti media cartacei e virtuali che hanno seguito
con attenzione la preparazione e lo svolgersi della
manifestazione.

Un particolare ringraziamento per l’appoggio e la
collaborazione al Professor Savonardo e all’amico
Renato Marengo

PREMIO TOAST 2014 a “Instant Dialogues” di Merolla e Veno a Salerno l’11 ottobre

Grafica: Alessio Prealta

Grafica: Alessio Prealta

PREMIO TOAST 2014 c/o Arci Murble Rumble,
via Loria 35, Salerno, sabato 11 ottobre,
dalle ore 20.00. Entrata: euro 5.

Il prestigioso Premio Toast 2014 verrà consegnato nella
serata di sabato 11 ottobre presso il Murble Rumble di
Salerno direttamente dalle mani di Giulio Tedeschi, label
manager di Toast Records.

La premiazione verrà preceduto da una serie di performance
live, tra cui quella di Ciccio Merolla e Riccardo Veno,
artefici dell’album “Instant Dialogues” (cd/album, Jesse
Sole/Self), che ha ottenuto il riconoscimento per “l’arcana
capacità di accompagnarci in un viaggio colto, pieno di
atmosfere diverse”.

Ideato nell’autunno del 2001 e promosso dalla Toast Records
e Toast Edizioni, il Premio Toast è indirizzato a tutti
coloro che ricercano (non senza difficoltà), l’espressione
strumentale, senza limiti di genere (pop, rock, ambient,
jazz, classica, sperimentale, wave, ethno, industriale,
folk, lougue, colonne sonore, musica sacra).

Faranno corona a Merolla e Veno, Max Maffia and the Empty
Daybox + Luciano Lo Casto & Band + Nino Bruno e le 8 Tracce.

Introdurrà la serata il dibattito “Musica Colta+Musica
Popolare, essere indipendenti al sud nel 2014″ che si
svolgerà presso il Bar G.Verdi in P.zza Matteo Luciani 28
(fronte Teatro G.Verdi) dalle ore 10.00. Tra i relatori:

Un vero ATTENTATO ALLA MUSICA a Caselle/To il 28 settembre, made in Toast Records

attentato.caselle.14

ATTENTATO ALLA MUSICA, 28.09.14, Centro Sportivo Caselle (To),
cancelli aperti dalle h.17.00, inizio live dalle h.19.00. Free entry.
Possibilità di consumare aperitivi, drinks vari, pizza, cene.

Torna per la quarta volta il Festival itinerante conosciuto
come ATTENTATO ALLA MUSICA, dopo aver toccato, negli anni,
svariate location, tra cui Hiroshima Mon Amour, Lapsus, le
due ex Fnac, La Feltrinelli Express; un fitto programma di
suoni & parole e molta nuova musica italiana.

Nel 2014 il tour partirà da Caselle, per poi dirigersi verso
i torinesi Murazzi, il Treff di Giaveno (To), il Mumble Rumble
di Salerno.

Domenica 28, per l’occasione, l’evento sarà gemellato con
SULLA STESSA ROTTA, ideale continuazione del meeting estivo
locale intitolato Sulla Rotta degli Aerei.

Saranno presenti (in ordine alfabetico): Assist (Irma Records),
Dentro Delay, Kid In Peace (da Tam Tam Production), Kobe,
Lastanzadigreta (da Tam Tam Production), MetaPhora (da
Fenix Records), Night Highway, Proclama (da Toast Edizioni),
Subà (da Toast Records).

Uno schieramento di band che affrontano la creatività musicale
da diverse angolazione. L’ital-rock dei SUBà, la ricerca di
Lastanzadigreta, il sixties rivisitato degli Assist, il rock
aggiornato dei Kid In Peace e via suonando.

Nell’occasione, incroceranno gli strumenti due generazioni di
musicisti: un nutrito blocco di veterani quarantenni insieme ad
una manciata di giovani pronti a tutto per farsi notare.

Una bella vetrina comunque. Che varrà la pena gustarsi.

Per Sulla Stessa Rotta: Paolo Passera (Centro Sportivo).
Per Attentato Alla Musica: Giulio Tedeschi (Toast Records).
Ufficio stampa: AudioPiemonte Comunicazioni. Supporto di
Audiocoop Piemonte e Valle d’Aosta, Wanted Primo Maggio,
To.Indies. Grazie a Fenix Records, Tam-Tam Production e
a tutti i musicisti che si sono resi disponibili per la buona
riuscita dell’iniziativa.

PREMIO TOAST 2014 vince l’album “Instant Dialogues” di MEROLLA & VENO

Ideato nell’autunno del 2001 da Giulio Tedeschi, promosso  dalla Toast Records e Toast Edizioni e sino al 2010 in collaborazione con il MEI, il Premio Toast è indirizzato a tutti coloro che ricercano (non senza difficoltà), la pura espressione strumentale, senza limiti di genere (pop,  rock, ambient, jazz, classica, sperimentale, wave, ethno,  industriale, folk, lougue, colonne sonore, musica sacra).

Nel 2014 il Premio (unico nel suo genere in Italia) ha  raggiunto, felicemente, la sua 14.ma edizione. 

Quest’anno si sono contese la prestigiosa segnalazione le seguenti opere, ambedue di Artisti napoletani:

“Posidonia” di Nino BRUNO (cd/album, Godfellas) per “il  suo messaggio emotivamente inquietante”

“Instant Dialogues” di Ciccio MEROLLA & Riccardo VENO  (cd/album, Jesse Sole/Self) per “l’arcana capacità di accompagnarci in un viaggio colto, pieno di atmosfere diverse” 

Il riconoscimento finale (incerto sino all’ultimo istante)  è poi caduto sulla raffinata proposta di Ciccio MEROLLA &  Riccardo VENO.

Anche nel 2014, come altre volte nel passato, si è voluto  aggiungere una segnalazione speciale, che ha toccato il brano strumentale “Mediterraneo” di Alberto PIZZO (anche lui Artista campano) presente nel cd/album “On The Way”  (Bixio/Egea), per “la sua affascinante visione musicale”.

Wanted Primo Maggio + TOAST RECORDS al Lanterne Rock Festival


Lanterne Rock Festival, Vische (To)
sabato 6 e domenica 7 settembre
entrata libera

Nel nutrito cast presentato dalla seconda edizione
di Lanterne Rock Festival, anche una positiva
presenza di progetti legati alla Toast Records, la
decana delle label di nuova musica italiana.

Domenica 7, on stage i DNA, SUBà e i PROCLAMA.
Quest’ultimi giocano in casa, visto che il vocalist,
Giorgio Giardina è l’ideatore dell’evento.

Inoltre il Festival ospiterà, durante la prima
giornata, i vincitori di Wanted Primo Maggio 2014
(powered by Toast Records), i liguri THE LIAR TRUMP,
reduci da un impegnativo tour estivo.

DNA progetto sonoro di pop-rock attualmente in tour
per promozionare “Quello che conta” (Toast Records).
Dal brano che titola il recente Ep, sarà estratto, a
breve, un video-clip.

PROCLAMA partiti come trio elettro-pop, nelle ultime
stagioni si sono diretti verso un impianto sonoro
decisamente più rock. In pieno svolgimento il tour
estivo che li ha visti presenti in vari festival
alternativi italiani. Sul mercato nazionale con
l’album “Proclama” (Toast Edizioni). Fanno parte
delle band selezionate per la compilation “Orzorock
Seventeen” (Orzorock Music).

SUBà agguerrito combo di rock italiano dalla forte
sensibilità pop. In tour per promozionare “22:22″
cd/album prodotto da Toast Records. In preparazione
il video tratto dal loro brano “Dieci, cento passi”.

THE LIAR TRUMP arrivano da La Spezia. Sono una band
di giovani musicisti che affrontano con estrema
spavalderia & creatività un certo rock delle radici,
arricchito da una vena di blues psychedelico di
ottima qualità.

Anime pure quelli della Toast Records

LANTERNE ROCK FESTIVAL 2014

LanterneFestival

Lanterne Rock Festival, Vische (To)
sabato 6 e domenica 7 settembre
entrata libera

Il 6 e 7 settembre, a Vische, piccola località alle
porte di Torino, si svolgerà la seconda edizione del
Lanterne Rock Festival. Anche quest’anno gemellato
con il Premio Nazionale della Canzone d’Autore.

In programma, i finalisti del Premio Canzone d’Autore,
vari Artisti provenienti da fuori regione, tra cui i
piacentini MISFATTO, la genovese Sabrina NAPOLEONE,
i savonesi SUBBUGLIO e una serie di band di area
torinese. Tra queste, i KOBE e gli eccentrici LA
STANZA di GRETA (vincitori del sopra citato Premio
nel 2013).

Sparsi tra il primo e il secondo giorno, anche tre
progetti provenienti dal clan della torinese Toast
Records & Edizioni: SUBà, PROCLAMA, DNA.

Avranno spazio, per una breve performance, i liguri
THE LIAR TRUMP, direttamente dal prestigioso Wanted
Primo Maggio.

Le due giornate saranno nobilitate dalla presenza di
uno dei combo più autorevoli dell’attuale scena, gli
YO YO MUNDI, che da sempre riescono a proporre
una intrigante miscela di musica d’autore aperta a
contaminazioni europee.

Organizzazione: Promozione Artistica Eventi.

DNA “Quello che conta” new video-clip on line

DnaBand

Pubblicato a metà estate “Quello che conta”, il nuovo
videoclip dei DNA tratto dal brano che titola il loro
recente Ep prodotto da Toast Records.

I DNA nascono a metà anni zero a Torino per volontà
del batterista Roberto Bertuolo. I primi anni sono
segnati dalla collaborazione con il chitarrista
Andrea Coccifero che contribuisce alla composizione
del primo lavoro discografico autoprodotto e del Cd
album “Dettagli” distribuito da Pirames International.

Nel 2011, la cantante Emanuela Petrozzi lascia il posto
a Raffaella Chiarle. Nello stesso anno il gruppo vince
il Contest Altafrequenza Music. Partecipa al Supersound
di Faenza e collabora con tre brani alla colonna sonora
del book-trailer che promoziona “Il rumore della terra
che gira”, libro di Roberto Saporito pubblicato dalla
Perdisapop Edizioni.

Nel 2012 si fanno notare durante Rock Targato Italia e
sono protagonisti in Fnac Torino di “360 Gradi di Musica
Indipendente”, iniziativa curata da AudioCoop Piemonte e
Valle d’Aosta.

Nel gennaio 2013 firmano per la savonese Edit Music a
cui concedono lo sfruttamento digitale del remix di
“Dietro i vetri”. In parallelo, viene diffuso il video
omonimo.

Nel novembre dello stesso anno firmano, su indicazione
di Giulio Tedeschi, un contratto discografico e di
edizioni con la veterana Toast Records che il 21 dicembre
diffonde il promo Ep “Quello che conta” presentato il 16
gennaio 2014 presso la Zenith Room del torinese Lab.

Di seguito, la partecipazione alla prestigiosa kermesse
“Wanted Primo Maggio”, dove condividono il palco con
molti altri gruppi provenienti da tutta Italia e lo
show-case durante il Festival “Sulla Rotta Degli Aerei”.

Prossimamente saranno tra i protagonisti della seconda
edizione del piemontese Lanterne Festival.

I DNA sono: Raffaella Chiarle (voce), Carmine Bandroco
(chitarra), Giovanni Cuccureddu (basso). Alla batteria,
Roberto Bertuolo, anche compositore ed autore della
maggioranza dei brani della band.

Wanted Primo Maggio & gabbiani a CASTELROCK 2014

Castelrock2014

Non si chiama Livingston il gabbiano che con colpi di ala eleganti sfreccia alle 20.38 di venerdì primo giorno di agosto sopra il palco di CastelRock a Finale Ligure, nell’attimo esatto in cui i The Liar Trump (vincitori del Contest Wanted Primo Maggio di quest’anno) iniziano a provare i suoni.

L’atmosfera a Castelfranco, la fortezza che ospita l’evento, è piacevolmente rilassata.

I fonici (bravi ed attenti) corrono tra la loro postazione e il palco. Presso l’erogatore di birra DAB si sfiatano i rubinetti. I musicisti cercano l’ombra ristoratrice. Ivano Tortarolo, il Dj, con una inedita barba sale & pepe, arriva in anticipo.

Dall’altra parte, vicino all’area acustica, le ”ragazze” (così vengono indicate affettuosamente all’interno della Carovana, organizzatrice dell’evento, le Artiste che si riconoscono nel genovese Lilith Festival) hanno preparato una scenografia preziosa, che risalta contro il blu del cielo: tappeto classico, poltrona vintage, paralume “vecchio regime”. Il tutto sottolineato da musica francese. 

Il programma, sul palco elettrico, prende il volo alle 22.15 circa.

Apre un gruppo variegato di artisti piemontesi noti come FIGURELLE. Più teatrali che musicali, anche nelle vesti, “tagliate” ad hoc. Continuano i locali BARNOLOW che tentano di scaldare il pubblico in arrivo sparando una raffica di cover che vanno dal profondo sud yankee alle Marche anni settanta (Ivan Graziani & zone limitrofe). 

Superato lo scoglio della simpatica, ma strampalata sezione fiati, arriva Stefano MARELLI, cantautore genovese con annessi baffi e cravatta dal nodo improbabile. Intrattenitore navigato, con una simpatia sfuggente ma presente (la rima è casuale, ma efficace).

Continuano i THE LIAR TRUMP: blues psychedelico, palco stravolto e immaginario rock rispettato da capelli al vento, panni colorati & due cani (di cui uno [s]fasciato dopo impreciso incidente pomeridiano) che attendono sotto il palco. Si ritorna di nuovo a Genova, con gli storici ALTERA, il progetto sonoro dell’agitatore Stefano Bruzzone. Il set, che chiude la prima serata, è “peso”. Il gruppo gira vorticosamente. Stefano stringe il micro in modo selvaggio e con voce stentorea declama fatti e misfatti dell’Italia contemporanea: ricorda don Gallo, inveisce contro i palazzi del potere, cita Freak Antoni, facendo partire ad arte testimonianze vocali del compianto Artista bolognese.

Quando le ultime schiumanti note si perdono nell’aria profumata, non rimane che allontanarsi dal luogo del misfatto, approfittando del buio avvolgente. Bastano pochi minuti per raggiungere il piazzale esterno. Due macchine si staccano dal parcheggio. In una di queste si riconoscono i capelli sciolti di Bruzzone, il profilo pensieroso di Carla Celsa della Toast Records e il taglio spettinato di Giulio Tedeschi (Wanted Primo Maggio e AudioCoop).

La notte sarà brevissima e tutti o quasi si ritrovano a metà pomeriggio (siamo arrivati a sabato 2 agosto) pronti a ricominciare con una lunga serata suddivisa equamente su due palchi. 

Da segnalare la presenza della cantautrice Sabrina NAPOLEONE nell’area acustica e dalle parti elettriche i torinesi KOBE, che sono un muro di suono; i SUBBUGLIO! che mantengono alto il vessillo della canzone d’autore, anche con il nuovo batterista. E due band reduci direttamente del Contest Wanted Primo Maggio: i genovesi AUDIOGRAFFITI, reduci dal loro primo video clip (in questi giorni in rotazione) e i piacentini JACK FOLLA che chiudono, con la consueta travolgente forza, il Festival.

Intanto, alle 23.30 circa, arriva il farmacista capellone, musicista e discografico neonato, Gabriele “Gaby” Finotti, di Orzorock, con un desiderio sotto pelle di chiudere la settimana a ritmo di travolgente r’n'r.

CastelRock, indimenticabile. Da valorizzare. Le carte in regola per diventare un fenomeno nazionale. Ma impegnamoci tutti. Da oggi. Un anno è breve e le cose da fare tante.    

PROGRAMMA Venerdì 1 agosto
Palco piazzale:
Barnolow 
Figurelle 
Altera 
The Liar Trump 
Stefano Marelli

Palco Cortile:
Roberta Cartisano
Giubbonsky
Cristina Nico

PROGRAMMA Sabato 2 agosto

Palco piazzale:
Audiograffiti 
Kobe 
Tryptamin (assenti giustificati)
Subbuglio! 
Jack Folla 

Palco Cortile:
Paolo Saporiti
Valentina Amandolese
Sabrina Napoleone

SULLA ROTTA DEGLI AEREI piccoli Festival crescono

SULLA ROTTA DEGLI AEREI Festival con DNA, PROCLAMA,
SUBà, ORONERO, mercoledì 30 luglio, P.zza Boschiassi,
Caselle/To. Entrata libera.

Piccoli Festival crescono: il 30 luglio a Caselle (To) seconda edizione di SULLA ROTTA DEGLI AEREI. Da una idea di Paolo Passera & Giulio Tedeschi. Nel contesto di Colonia Sonora, con l’appoggio del Comune di Caselle, Toast Records, AudioCoop Piemonte & Valle d’Aosta, Wanted Primo Maggio, Attentato alla Musica, To.Indies. Apriranno i DNA, continueranno i PROCLAMA e i SUBà. Chiuderanno gli ORONERO. Dalle 21.00 in avanti.

DNA progetto sonoro di pop-rock. Attualmente in tour per promozionare “Quello che conta” (Toast Records). Dal brano che titola il recente Ep, sarà estratto a breve un video-clip.

PROCLAMA partiti come trio elettro-pop, nelle ultime stagioni si sono diretti verso un impianto sonoro decisamente più rock. In pieno svolgimento il tour estivo che li ha visti presenti in vari festival alternativi italiani. Sul mercato con l’album “Proclama” (Toast Edizioni). Fanno parte delle band selezionate per la compilation “Orzorock Seventeen” (Orzorock Music).

SUBà agguerrito combo di rock italiano dalla forte sensibilità pop. In tour per promozionare “22:22″ cd/album prodotto da Toast Records. In preparazione
il video tratto dal loro brano “Dieci, cento passi”.

ORONERO Ligabue cover band.