Category Archives: News

100 thousand poets for change get ready in Italy with Camion

PoetiSanthiàIl reading rimane ancor oggi l’unico strumento valido per agevolare un confronto tra Autori & il pubblico della Poesia, offrendo una concreta alternativa al rito, molto in voga di questi tempi, della “gara poetica”. E a proposito di reading, sabato 7 luglio, a margine della mostra fotografica “Ricordando Woodstock” curata da Paolo Gariglio, si è tenuto nell’auditorium della Biblioteca Civica di Santhià (Vc) un incontro tra Autori organizzato dall’audio-rivista Camion, intitolato “Ultima Fermata”. Coordinato da Giulio Tedeschi, l’appuntamento, collegato al circuito internazionale “100 Thousand Poets for Change” ha visto la presenza di un nutrito gruppo di Poeti di varie età, portatori di differenti punti di vista creativi.Una carrellata tra svariate visioni e sensibilità che ha regalato un ulteriore motivo di interesse all’evento.
L’incontro, aperto da un positivo intervento di benvenuto dell’Assessore alla Cultura del Comune di Santhià, Renzo Bellardone, ha visto la presenza del giovane alessandrino Marcello Canepa (notato ad Hiroshima Mon Amour durante Wanted Primo Maggio 2018), della torinese Helen Esther Nevola, animatrice del progetto CaleidoScoppio, di Giancarlo Pavanello, artista schivo ma da considerarsi un solido punto di riferimento nel confuso panorama artistico italiano, di Vincenzo Reda, eclettico ed enigmatico personaggio imprestato ad intermittenza alla Poesia, a Bruno Rullo, infaticabile coordinatore di Slam Italia, di Salvatore Sblando, appassionato co-fondatore dell’attivissima Periferia Letteraria, meritevole associazione molto presente tra Torino e Milano.
Finale a cura di Giulio Tedeschi, avaro di gesti e parole come sempre, che ha chuso l’evento con una citazione di Charles Bukowski, probabilmente non da tutti condivisa “Non penso mai, sono un poeta, registro”.
Notata tra il pubblico Carlotta Viazzo, giornalista del periodico “Notizia Oggi”, l’operatore musicale Daniele Boretto, il musicista eporediese Ramu-Raffaele Rossi e lo scrittore di area vercellese Vico Ellena.

Ultima Fermata a Santhia’: poesie per Camion, l’audio-rivista

ultimafermataSabato 7 luglio, dalle ore 10.00), presso la biblioteca di Santhia’ (Vc), in Via Dante 4, a margine della mostra fotografica “Ricordando Woodstok” curata da Paolo Gariglio, reading a cura dell’audio-rivista Camion (Toast Records). Titolo dell’evento “Ultima Fermata a Santhia’” “Last Exit To Santhia’”. Una iniziativa collegata al movimento internazionale “100 Thousand Poets for Change” “100mila Poeti per il cambiamento”. Parteciperanno svariati Autori, tra cui, Giulio Tedeschi per Camion, Bruno Rullo per Slam Italia, Salvatore Sblando per Periferia Letteraria, e Vincenzo Reda (tutti da Torino) – Giancarlo Pavanello (dadotuttobianco) da Milano e Marcello Canepa da Novara. Music a cura della Paonessa Blues Band.

Wanted Primo Maggio, un originale appuntamento con la cultura underground

OnyriconWanted Primo Maggio nato per denunciare la perdita d’identità della Festa del Lavoro si è trasformato, nel corso del tempo, in una minuscola alternativa all’invadente ondata di spazzatura che infradicia la scena musicale italiana e anche quest’anno si è ritrovato come sempre svincolato da istituzioni, partiti e sindacati e con l’intatto obiettivo di dare priorità a tutti coloro che cercano uno spazio per esprimere le proprie visioni.
L’edizione del 2018, l’ottava, si è conclusa nella notte a cavallo tra il primo e il due maggio nella torinese rock hall di Hiroshima Mon Amour. Più di cinque ore di performance, dove musica & poesia si sono alternate in modo amichevole, coinvolgendo il pubblico di tutte le età che ha affollato la location, nonostante un clima dal sapore quasi invernale.
La sarabanda è stata aperta alle 19.00 dall’esibizione del progetto acustico Cri+Sara Fou. Un tenue ma interessante indie-pop che dovrà definirsi in modo più preciso nelle prossime stagioni.
A seguire, lo spazio reading proposto dall’audio-rivista Camion. Il pubblico ha seguito con innegabile interesse le giravolte plastiche e vocali del collettivo poetico. Sul palco Bruno Rullo che ha pilotato, in modo imperturbabile, la situazione. Letture dello stesso Rullo, di Ivan Fassio (con il suo inseparabile copricapo), Fabio Bosco, Marcello Canepa e Helen Esther Nevola, che sarà ricordata come la “poetessa incellophanata”, visto il nastro trasparente che l’ha avvolta durante il suo primo intervento. Ospite molto speciale, Ennio Onnis, uno dei grandi vecchi della poesia torinese.
La musica, invece, ha ricominciato a pompare subito con lo spazio Contest. Dal vivo, l’alternative dei savonesi Diatomea, il rock dei salernitani Cosmorama e le songs del cantautore elettrico torinese Andrea Marzolla. Tre proposte molto diverse tra loro, ma sicuramente valide in equal misura.
L’area Festival prende il via alle 20.20 quando la scena viene occupata dal rock italiano dei PopForZombie in versione acustica e in formazione rimaneggiata per un’assenza non programmata del batterista, sostituito al volo dal poli-strumentista Domenico Serra. Cinque i brani proposti, tutti tratti dal loro recente cd/album. A seguire i Powerillusi, accompagnati da una folta schiera di Artisti, alcuni dei quali protagonisti dell’album “Powerillusi & friends”. La vocalist Antonella Bellan in “Par condicio blues”, il cantautore Matteo Castellano, il poeta demenziale Giorgio Scapecchi e i Mirafiori Kidz in “Quella rap”. Proprio quest’ultimi hanno raccolto il testimone continuando la giornata con le sempre verdi note combat scagliate alla loro platea di fans.
A questo punto il direttore artistico di Wanted ha ritenuto opportuno salire sul palco, prendere il microfono e ringraziare pubblico e musicisti, cogliendo l’occasione per fare il punto di sei mesi di attività preparatoria a Wanted. Al suo fianco, il conduttore della serata, Luca Calderan e il giurato Vito Vita, ad annunciare i risultati del Contest (prima posizione Diatomea).
Chiusura in perfetto club style a cura di Luca Onyricon Giglio, con una magnetica performance electro-wave tratta dall’album inedito “Musica per Monorotaia”.
Wanted Primo Maggio 2018, diretto da Giulio Tedeschi. Logistica: Toast Records. Con l’essenziale supporto di Hiroshima Mon Amour; la collaborazione di AudioCoop Piemonte e Valle d’Aosta (Torino), Metrodora (Genova), Wanted Primo Maggio Liguria, Mumble Rumble Salerno, Fall Festival Salerno, Festival delle Periferie (Genova), Miscela Rock Festival (Ivrea), Blah Blah (Torino), Teatro Altrove (Genova); l’appoggio di Fleurs du Mal (Roma), Salotto di Mao (Torino), Slam Italia, CaleidoScoppio (Torino), Camion (Torino), ToIndie, Spazio Parentesi (Torino), Taurinews (Torino); l’aiuto di Daniele Boretto (logistica/Torino), Giuseppe Galassini (The Box/Imola), Sergio Cippo (Queen Music/Torino), Fabrizio Gargarone & Mauro Boglione (Hiroshima Mon Amour), Alessandro Armosino & Roberto Giannini (Metrodora), Max Maffia
& Vincenzo MumbleRumble Loria (Mumble Rumble),Erik Calvo & Cristina Pieretti (Miscela Rock Festival), Luca Calderan & Michele Albera (Taurinews). Un grazie a Fabio Licata (News Spettacolo) per l’attenzione e a Valter di “Sound of Vintage”.
La Giuria di “Live Talent”: Vito Vita (della rivista “Vinile”), Erik Calvo (Miscela Rock Festival), Luca Calderan (Taurinews).
La foto ritrae Luca Onyricon Giglio durante la sua performance a Wanted Primo Maggio 2018.

Un reading il Primo Maggio a Hiroshima Mon Amour, Torino.

BoscoCome definire gli Autori che accettando l’invito di Giulio Tedeschi di Toast Records sono saliti, nel pomeriggio del Primo Maggio, sul palco torinese di Hiroshima Mon Amour? Tardo romantici? Incoscienti? “Partigiani” culturali? Difficile dirlo. Sicuramente Artisti della parola che non hanno timore a mettersi in gioco.
La squadra che si è presentata a Wanted Primo Maggio era formata da Bruno Rullo (Slam Italia) che ha coordinato il reading , Helen Esther Nevola (CaleidoScoppio), Ivan Fassio (Spazio Parentesi), Fabio Bosco e Marcello Canepa. Tutti e cinque i nostri protagonisti, da tempo, percorrono con sicurezza i sentieri della poesia, in modo attivo e partecipe. Ospite speciale il decano Ennio Onnis on due testi di cui uno pacifista e contro gli interessi (economici ed ideologici) che producono rovinosi e letali conflitti.
Interessante la coinvolgente performance di Helen Esther Nevola e l’inaspettato mix di Fabio Bosco che ha contaminato un suo testo inedito con le prime battute del noto poema beat “Urlo” di Allen Ginsberg.
“Poeti per Wanted” quest’anno è stato dedicato alla memoria del giornalista, scrittore & poeta Stefano Terra (Torino, 1917 / Roma 1986)
In foto, Fabio Bosco durante la sua lettura (Ph. Sergio Cippo)

Wanted Primo Maggio, musica & poesia underground

0001 Ideato con la missione di mettere in luce buona musica selezionata nel sottosuolo musicale italiano Wanted Primo Maggio, in otto edizione, ha mutato coerentemente il suo percorso, arricchendo il Music Festival ospitato dal rock club torinese Hiroshima Mon Amour con un tour lungo la penisola (Wanted Tour), un green contest a favore delle giovani leve della musica italiana (Live Talent) e addirittura con un Poetry Meeting (Poeti per Wanted) che da svariati anni e con inaspettato successo presenta, una selezionata schiera di Autori che si cimentano nella difficile espressione poetica calata disinvoltamente in una arena rock.

Due storiche band torinesi in programma, per l’edizione 2018. I sempre verdi e combattivi MIRAFIORI KIDZ e i POWERILLUSI, in questa occasione accompagnati da una serie di Artisti amici. La carrellata musicale sarà aperta dall’indie pop del duo CRI+SARA FOU e si concluderà con l’electro performance di Luca GIGLIO. A loro si aggiungeranno i POPFORZOMBIE, maturo combo di pop rock da non perdere di vista.

Lo spazio Contest ospiterà il torinese Andrea MARZOLLA con band elettrica, i salernitani COSMORAMA e i savonesi DIATOMEA, tre progetti individuati dopo una serie di pre-selezioni che verranno esaminati da una giuria di esperti.

Il Poetry Reading, invece, darà voce a Bruno RULLO di Slam Italia, a Helen Esther NEVOLA dell’associazione torinese CaleidoScoppio, a Ivan FASSIO, responsabile della galleria d’arte alternativa
Spazio Parentesi, al giornalista/poeta Marcello CANEPA e al giovane Autore Fabio BOSCO.

I cancelli di Hiroshima si aprirano poco prima della 19,00 e l’evento dovrebbe chiudersi dalle parti delle 24,00. Entrata libera. Drinks & food a disposizione e mini-area di materiale sonoro indipendente e autoprodotto nell’atrio.

WANTED PRIMO MAGGIO 2018: il programma

Logo WANTED PRIMO MAGGIO 2018: martedì 01.05.18, Hiroshima Mon Amour, Torino, entrata libera. Programma praticamente definitivo. Area Festival: Mirafiori Kidz, Powerillusi, PopForZombie, Luca Onyricon Giglio, Cri+Sara. Area “Live Talent”: da Torino Andrea Marzolla, da Salerno Cosmorama, da Savona, Diatomea. Area Reading: gli Autori, Bruno Rullo (Slam Italia), Helen Esther Nevola (CaleidoScoppio), Ivan Fassio (Spazio Parentesi), Marcello Canepa e Fabio Bosco. I Powerillusi avranno vari ospiti tra cui Antonella Bellan Koorina e Matteo Castellano. Mirafiori Kidz + Powerillusi interpreteranno insieme “Quella Rap”. Si attendono altre sorprese dell’ultimo minuto, musicali e “poetiche”. Entrata libera dalle ore 19,00. Possibilità di food & drinks.

Un CAMION di Poesia durante un umido mattino torinese

Non è consueto per un nutrito gruppo di veterani dell’underground italiano trovarsi di fronte ad una platea di giovanissimi, con la missione quasi impossibile di parlar di Poesia.
Qualcosa di simile è avvenuto nella mattina decisamente piovosa di giovedì 15 marzo 2018 presso l’austera Aula Magna dell’Istituto torinese Cairoli, durante la presentazione di CAMION, l’audio-rivista prodotta da Toast Records nota anche come La Voce della Poesia.
Presenti Bruno Rullo (Camion & Slam Italia), Enrico Mario Lazzarin (Camion & Associazione Culturale Due Fiumi), Vincenzo Reda, Giancarlo Pavanello (Camion & Dado Tutto Bianco) e i più giovani Salvatore Sblando (Periferia Letteraria), Luca Onyricon Giglio (Camion & Onyricon) e Nadia Sponzilli (unica rappresentante femminile dell’agguerrito gruppo di Poeti, Camion & Atelier della Luce).
Con loro, Giulio Tedeschi (Toast Records), ideatore del progetto CAMION, che ha fatto sgocciolare poche parole di cortesia ad inizio incontro.
Appuntamento, dicevamo, molto partecipato dai giovani presenti che hanno dato il loro favore, in particolare, a Bruno Rullo e a Nadia Sponzilli che hanno avuto la capacità di affrontare la platea con uno spirito tra il didattico e il teatrale, rendendo la materia trattata qualcosa di caldo & coinvolgente.
Il reading (perchè in fondo di reading si è trattato) è stato preceduto da una introduzione della professoressa Rosanna Scialdone e terminato dalla collega Angela Sanson che prima di chiudere ha dato il via a un dibattito, risultato molto interessante, tra studenti ed Autori.

La nuova canzone italiana a Torino anche con Toast Records

VEA

Domenica 11 febbraio si è svolta con successo la seconda edizione del Festival della canzone italiana di Torino. Più che un Festival, un (contro)Festival, che ha messo in pista anche quest’anno una strategica organizzazione antagonista.
Nata da una felice intuizione della coppia formata dall’artista Daria Spada & dall’intellettuale croato Maksim Cristan l’iniziativa ha ottenuto anche questa volta un meritato successo.
Notata dai media locali, ha raccolto un folto pubblico che si è riunito nel consueto cortile di via Mercanti. Come corollario: foto, immagini video e ragionato utilizzo dei social network.
Molti risultati positivi che premiano l’incoscienza degli ideatori, la buona volontà di un affiatato gruppo di lavoro e la voglia di comunicare, oltre ogni barriera.
Si sono esibiti: Piergiorgio Tedesco con “La canzone del Segaiolo”, Daniele Chiarella con “Autista GtT”, Faber Not con “Angela”, Mandela con “Cisty”, Vea con “Mobbing”, Protto con “Basta un colpo di pistola”, Nerè con “Parthenope”, con “La Mole di notte”, Andrea Marzolla con “Voglio fare una canzone commerciale”, Leonardo Gallato “Matinata”.
Vincitore del torneo canoro, Leonardo Gallato, che ha ottenuto le preferenze sia della Giuria di esperti (seconda Nenè) che di quella popolare (secondo Mandela).
Giuria al 2° Festival della Canzone Italiana di Torino: Maria Nicola, Sergio Martin, Bruno Panebarco (coordinatore), Guidobaldi Giulia. Video ufficiale a cura di Carlo Molinaro, della diretta Facebook Pierlorenzo Guglieri, scatti ufficiali la fotografa Doriana De Vecchi.
Toast Records, la decana della label indipendenti italiane, ha sostenuto e supportato la manifestazione.

CAMION l’audio-rivista di Toast Records presenta Vincenzo Reda

Rimarrà deluso chi si aspetta fuochi d’artificio e passaggi ad effetto da “Un Po’ Eta”, l’ultima raccolta (in ordine di tempo) del torinese, con radici calabresi, Vincenzo Reda.
In realtà, le quasi quaranta pagine color camoscio edite da Graphot ci consegnano testi che vanno a fondo nella sfuggente carne viva del privato. Solo minuscoli cedimenti ad un certo inatteso barocchismo rendono i versi a portata di mano. Quasi raggiungibili. Il messaggio? Una clandestina gioia nel poetare “E allora anarchica scorazza / L’immaginazione imbizzarita” e ancora “Dentro quei sordi silenzi / Compongo arzigogoli. / E felice mi scialo.”

“Un Po’ Eta” verrà presentato, a cura di CAMION, sabato 3 febbraio presso la Libreria AUT di Via Barbaroux 8, dalle ore 17,30. Presente l’Autore che leggerà alcuni passaggi dell’opera.
Giulio Tedeschi, Torino, 20.01.18, ore 15,50.

Premio Toast dedicato alla ricerca strumentale: 17.ma edizione

PremioTOAST
Mantenendo intatta nel tempo la sua identità fortemente indipendente, il Premio Toast dedicato alla musica strumentale quest’anno ha raggiunto felicemente quota 17.
Nato nel 2001 in ambito M.E.I per volere di Giulio Tedeschi, nell’arco degli anni il riconoscimento ha ricoperto, senza esitazione, l’impegnativo ruolo di stimolo della creatività musicale italiana indirizzata verso la ricerca sonora, anche la più estrema, cercando di individuare, spesso con largo anticipo, le eccellenze (molte volte in ombra) che vengono regolarmente “seminate” su questo versante dalla scena nazionale.

Dopo la premiazione del vincitore del 2016 (l’album “Glasstress” di MCDM) effettuata il 5 dicembre 2017 a Torino, con la consegna da parte di Mauro Mao Gurlino nelle mani di Max Casacci della targa ricordo, ecco qui di seguito i finalisti dell’edizione 2017:

“Gli alchimisti del muto” colonna sonora inedita dell’omonimo documentario dedicato al registra Giovanni Pastrone e al fotografo Segundo de Chomon. Musiche di Luca Grossi.
“Musica per monorotaia” album inedito di Luca Onyricon Giglio.
“Superimposizione cosmica”, brano tratto dall’album “Aspettando il domani” (Atman Records) di Uniplux.