Tag Archives: Giulio Tedeschi

Toast Records nasce a Torino nel 1985, partendo da una precedente esperienza discografica, la punk label Meccano (1989), nota per aver lanciato svariati gruppi italiani di hard-core in giro per il mondo (i Raw Power in particolare). Obiettivo primario è produrre, promozionare e distribuire buona musica italiana, fuori dai soliti limiti di genere e con l’intenzione, dichiarata, di superare i soffocanti e provinciali confini nazionali.

La sua intensa attività di talent-scouting ha fruttato nell’arco del tempo, la scoperta di una moltitudine di progetti e artisti (tra cui gli Afterhours di Manuel Agnelli, gli Statuto, Max Casacci), supportando band come Marlene Kuntz e Yo Yo Mundi e incoraggiando la crescita di una nutrita schiera di realtà territoriali, solo apparentemente minori.

La Toast Records, per scelta ed attitudine, ha sempre evitato la collaborazione con entità produttive Major, non ritenute idonee al tipo di ricerca creativa portata avanti dalla label.

L’IVA (imposta sul valore aggiunto) grava del 4% sull’editoria e del 22% sulle
opere grafiche, pittoriche e scultoree, con una variante cosiddetta “regime del
margine” che applica l’IVA solo sulla differenza tra prezzo di vendita e costo
d’acquisto maggiorato dei costi di riparazione ed accessori, e sui supporti
musicali CD, DVD e Vinili.
Una tale differenza di trattamento fiscale (18 punti percentuali, una enormità)
tra editoria e musica, non ha nessuna giustificazione. Sarebbe ora, cogliendo
l’occasione dell’attuale crisi collegata alla pandemia, di parificare l’aliquota
IVA al 4% (o meno) tra editoria e musica, incentivando cosi'(tra i tanti benifici)
anche la produzione, la distribuzione e la vendita dei CD / DVD / Vinili e
sollevando in parte molte tra le problematiche che zavorrano, da tempo, tutto il
settore specifico.
Ci auguriamo che il legislatore preposto possa porsi il probema e vada a risolvere,
con il contributo attivo di tutte le parti in gioco, il problema.

Rob

Basta una piccola distrazione e ti ritrovi un batterista dal profumo new-wave trasformato in un cantautore. Una metamorfosi che intriga. Parliamo di Rob (ex batterista della band indipendente LucirosseAllinclusive). Ha debuttato discograficamente a inizio 2020 con un album in “solo” prodotto artisticamente da Enrico Fornatto, appoggiato da Toast Records e disponibile da subito sulle maggiori piattaforme digitali internazionali. Dal gennaio 2021 distribuito e prodotto da Toast Records anche in formato CD. In copertina l’intensa opera dell’artista torinese Luisa Piglione.  Titolo dell’album semplicemente “Rob”: dieci tracce sonore più un brano fantasma. Roberto ha voluto, con molto coraggio e decisione, seguire un suo percorso originale, senza cadere nelle facili trappole del già sentito. Un intrigante percorso sonoro senza nulla di scontato. On line tre clip. Singolo in circolazione: “Tutto può cambiare”. Oggi Rob, l’ex ragazzo fanatico dei Police, non sembra sazio: in lavorazione un nuovo album, prodotto artisticamente sempre da Enrico Fornatto.

Sul numero datato Maggio 2021 della rivista statunitense “Rock and Blues International” sono apparse due pagine dedicate a Toast Records e all’album “Blues City Inferno Blues” a firma del saggista e radio DJ Edoardo Fassio.

To7Antinucci-001

Venerdì 27 marzo, nell’inserto settimanale TO7 del quotidiano La Stampa è uscita una recensione (a firma di Christian Amadeo), dell’album “Piazza Solferino” (Toast Records) del cantautore tornese Luigi Antinucci.

cropped-cropped-labeltoast.jpg
2021, 36.mo anno dell’era Toast Records. In attività dal 1985, la label torinese apre il nuovo anno, a dispetto di tutti i problemi che travagliano il “mondo”, con una serie di stimolanti proposte discografiche e culturali, sempre rivolte verso la cultura indipendente italiana. Ristampe e novità discografiche in prima linea. Tra le prossime uscite, due progetti su vinile: l’album del cantautore torinese Luigi Antinucci, “Piazza Solferino” e l’album raccolta degli Aquael “Anthology”. A cui si aggiungerà, la diffusione in edizione limitata dell’album “Rob” (dell’artista torinese Roberto Spiga) e una rinnovata collaborazione con il musicista Luca Vinciguerra, più noto come Steve Sperguenzie. Ma altri progetti sono in laboratorio. In uscita a fine febbraio di “Blues City, Inferno Rock” la raccolta su CD delle migliore proposte blues italiane.

BluesCityCopertina

“Blues City Inferno Blues” (Album, Toast Records) la fotografia sonora del blues italiano contemporaneo è pronta ai nastri di partenza. Chiusura dopo oltre un anno di lavoro, negli studi Antinucci di Moncalieri (To),nella giornata di domenica 4 ottobre. Montaggio definitivo & masterizzazione a cura di Luigi Antinucci & Giulio Tedeschi. Tra i nomi presenti nella raccolta, Luigi Tempera, a cui è dedicato l’album, i romani Fleurs du Mal, il chitarrista Marco Roagna, il blues-man Daio Lombardo e molti altri. Copertina di Mirco Petrossi.

LocandinaRadio
Il 13 gennaio 2021 a Radio Reporter Torino e’ tornata in pista la decana delle label underground italiane, con lo speciale “Toast Records 2021, ritorno al futuro”, selezione di materiali indipendenti a cura di Giulio Tedeschi e la conduzione di Luigi Antinucci. Ospite, Sergio Cippo di Queen Music. Tra le tante proposte sonore anche i Tetes de Bois con “Pezzi di Cielo”, gli YoYoMundi con “Fosbury”, Rob con “Mani”, i Fratelli Tabasco con “Radioactive Mama”, Lello Savonardo con “Bit Generation”, Denis Dumi & Paonessa con “Toast Blues”, Boom Boom Becket con “Calypso atiurna la cioca”, Luciano Lo Casto con “A Sud”, Trenincorsa con “Verso casa”, Giacomo Aime & Paolo Milano con “Avercela con te”. Per la poesia, Bruno Rullo con “XX Granello di rabbia” e Mauro Macario con “Pioggia su Big Sur”. Tutta la trasmissione riascoltabile sabato 16, sempre dalle 21 alle 23, su Fm e Online. Foto in studio, di Sergio Cippo.

Roberto Spiga

Roberto Spiga

Rob, al secolo Roberto Spiga, batterista di area torinese, cultore del sound anni ottanta, e da qualche anno anche personalissimo cantautore, alla ricerca di una nuova via nella canzone d’autore italiana. Seguito artisticamente da Enrico Fornatto e prodotto da Toast Records che lo ha pubblicato ad inizio 2020, proponendolo sulle maggiori piattaforme digitali internazionali, a distanza di un anno dal suo debutto, nel gennaio 2021 la stessa label pubblica l’album “Rob” anche su CD, in impedibile tiratura deluxe d’essai

Un Natale pop con vibrazioni vintage in lingua piemontese quello che regala Toast Records per chiudere in bellezza questo difficile anno 2020. Musica e arrangiamento di Antonello Rasi. Cristina Chiappani, l’interprete del brano, è stata ed è la voce di svariati progetti musicali indipendenti tra cui Isola di Niente e più recentemente Amish.